venerdì 26 agosto 2016

L'Unione dell'Appennino bolognese invita ad aiutare le persone colpite dal terremoto usando i canali istituzionali.

Riceviamo


Chi vuole aiutare può fare una donazione sul conto corrente predisposto dalla Regione e dall'Anci, o inviare un SMS solidale. Pronte a dare una mano associazioni di protezione civile e volontariato del territorio, ma è importante partire solo su indicazione di chi coordina gli interventi
I comuni dell'Appennino bolognese invitano i cittadini ad attivarsi per il terremoto seguendo i canali istituzionali.
Il sindaco di Marzabotto e presidente dell'Unione dei comuni dell'Appennino bolognese Romano Franchi ricorda a tutti che è possibile utilizzare il conto corrente attivato dalla Regione Emilia-Romagna, insieme all'ANCI, come strumento unitario. Ecco gli estremi per il versamento:
IBAN "Emilia-Romagna per sisma Centro Italia" con numero
IT69G0200802435000104428964  (Causale: "Emilia-Romagna per sisma Centro Italia", intestato a Agenzia Protezione Civile Emilia-Romagna).
Diverse associazioni di protezione civile e di volontariato dei territori dell'Unione hanno già dato la loro disponibilità a intervenire, se necessario, anche se è importante prima attendere le indicazioni di chi coordina gli interventi per evitare inutili sovrapposizioni.
Da non dimenticare che su richiesta del Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le Regioni colpite dal terremoto e grazie agli operatori di telefonia mobile e ai media, è stato attivato il numero 45500 per la raccolta di fondi attraverso l’invio di sms del costo di 2 euro. È possibile donare anche chiamando da rete fissa lo stesso numero. Il servizio è attivato con gli operatori nazionali Tim, Vodafone, Tre, Fastweb, CoopVoce, Wind e Infostrada, TWT, CloudItalia e PosteMobile. I fondi raccolti saranno trasferiti dagli operatori, senza alcun ricarico, al Dipartimento della Protezione Civile che provvederà a destinarle alle regioni colpite dal sisma.
--

Il sindaco di Marzabotto Romano chiama a raccolta per aiutare i terremoti e risponde al Gruppo consiliare Uniti per cambiare Marzabotto.

Il sindaco di Marzabotto Romano Franchi  chiama a raccolta i suoi concittadini. La necessità causata dal terremoto è grande, nessuno abbandoni i fratelli del centro Italia. 





Inoltre risponde al Gruppo consiliare Uniti per cambiare Marzabotto che con una interrogazione hanno sollecitato la mobilitazione pro terremotati.





Il fine settimana di San Benedetto Val di Sambro.

Marco Finelli informa:


Oggi, VENERDI 26 AGOSTO, BORGHI DI..VINI al BORGO I MUSOLESI di San Benedetto Val di Sambro.

Dalle 18.30 apertura stand enogastronomici e alle 20 musica dal vivo con I Giovane Nonetto, Cantate Divine con i Rave'I e rievocazione del Palio Storico con Sfilata di abiti d'epoca  



Domani, SABATO 27 AGOSTO, presso gli impianti sportivi, 4° Raduno equestre al lago” di Castel dell'Alpi, giornata dedicata a cavalli e “cavallari”... Cuore della manifestazione, come consuetudine, la passeggiata a cavallo nei boschi di Castel dell’Alpi. Gli amanti della natura potranno godere di una suggestiva immersione nel verde della ricca vegetazione collinare, immersi in un silenzio rigenerante. Il Programma è molto ricco: Gimkana per adulti... Ottima cucina... Musica country con Diamante and the crazy horses... Cena e ballo al coperto con qualsiasi tempo...

N.B. I cavalli devono essere in regola con le normative sanitarie vigenti...



Ancora sabato, torna l'HOT'N'COLD!!!! 

☀️Presso l'ex campo sportivo di Qualto: dalle 19, aperitivo con crescentine fritte, dalle 21, musica live con i FREAK SHOW By Monghidoro!

❄️A seguire dj set by RICKY & MAXWELL 

DOMENICA 28 AGOSTO,  a San Benedetto Val di Sambro si terrà la seconda edizione della Festa dello Sport ,dalle 14:30 fino a tarda sera.

Il Campo Taglioli ospita Calcio, Calcetto femminile, Tiro con l'arco, Pallamano, Pallavolo, Percorsi in Mountain Bike.
Alle 18:30 in piazza esibizioni di Karate e Zumba
Alle 19 apertura degli strand gatsronomici con panini con porchetta e salumi.
Alle 21 musica dal vivo
Alle 23 estrazione della lotteria.













giovedì 25 agosto 2016

Prati di Mugnano, testimone della mancanza di rispetto per l'ambiente e della volgare inadempienza dei regolamenti che tutelano il territorio.

Il parco dei Prati di Mugnano, una ferita al buon senso ambientalista che si allarga e una denuncia di inaccettabile disinteresse che si moltiplica. 

Questa volta e Enrico Lavini a comunicare il suo disappunto:  

 Questa mattina, 25 agosto 2016,  insieme ad un amico di trekking ho avuto modo di rivedere l'ennesima situazione della mancanza di educazione dei visitatori delle nostre colline. 
 



La situazione credo non possa più essere tollerata dai cittadini che giustamente pretendono il rispetto dell'ambiente e del territorio. Le persone del luogo o "forestieri" che lasciano tracce del loro passaggio dovrebbero essere definitivamente confinate altrove (possibilmente a casa loro). Ovviamente ho già segnalato al comune di Sasso e in primis alla riserva del contrafforte attraverso fotografie l'accaduto.

Spero segua un repentino intervento da parte dei soggetti incaricati alla tutela dell'ambiente con la speranza che anche le forze dell'ordine vengano coinvolte al fine di sanare ed educare con ogni mezzo le persone in visita sul nostro territorio. Mi auguro si intervenga anche in termini preventivi onde evitare altre situazioni del genere consigliando mezzi e tecnologie moderne per individuare anche i responsabili di questi abbandoni di rifiuti per poi punirli in maniera adeguata


Buone passeggiate a tutti nel rispetto del luogo che ci ospita. 


 



La Croce Rossa di Castel d'Aiano cerca aiuti per i terremotati.



Giuseppe Argentieri ha mandato: