venerdì 17 novembre 2017

Moderato pericolo valanghe in Appennino dal 18 al 20 novembre



Da ANSA


Pericolo valanghe da moderato a marcato dal 18 al 20 novembre su tutto l'arco appenninico emiliano-romagnolo, dove strati di neve umida-bagnata sono presenti su strati più compatti. Così il bollettino neve e valanghe del Ministero delle politiche agricole. Il manto nevoso - è scritto - ha subito una ridistribuzione in quota dovuta all'attività eolica avvenuta durante le scorse precitazioni che ha prodotto accumuli nelle zone sottovento, conche e canaloni. Localmente il grado di pericolo può aumentare. Moderato il pericolo sull'Appennino emiliano occidentale nei tre giorni per vento; la quota neve a 1250 metri è di 35 centimetri. Sempre per vento, sull'Appennino emiliano centrale, il pericolo è marcato, con accumuli nevosi di 85 centimetri a 1550 metri. Sull'Appennino romagnolo moderato pericolo per vento alla quota di 1450 metri con accumuli nevosi di 85 centimetri.
    Sono da evitare - ricorda la nota - le zone di accumulo, conche, canaloni, cambi di pendenza e pendii sotto vento in genere

Anche un ospite di una Cooperativa sociale è indiziato per la rapina alla Montagnola ai danni della Troupe di Striscia la Notizia.


I Carabinieri di Bologna Centro hanno eseguito un altro fermo di indiziato di delitto nei confronti di un gambiano di ventinove anni, responsabile della rapina in concorso alla troupe di Striscia la Notizia. Si tratta di un soggetto incensurato e disoccupato che dimora presso una Cooperativa sociale onlus situata nel bolognese. 

I Carabinieri lo hanno individuato ieri sera, sempre al Parco della Montagnola, nello stesso posto in cui aveva commesso la rapina unitamente agli altri soggetti individuati dai Carabinieri. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il gambiano è stato rinchiuso in carcere.

Dal Comando provinciale dei Carabinieri 


La Futa 65, quasi al completo, visiterà il Sacrario di Marzabotto.

Fabrizio Santi, presidente della  S.S.D. 65 FUTA, informa;



La Società Sportiva 65 Futa comunica che domenica prossima, 19 novembre, alle 11, presso il Sacrario dei Caduti di Marzabotto, ci sarà una visita commemorativa concordata dalla Società scrivente con il Comune di Marzabotto. 


Saranno presenti la direzione societaria e i calciatori della squadra. In questa occasione non sarà presente il calciatore Eugenio Maria Luppi.

Sasso Marconi. Il gruppo consiliare di maggioranza di Sasso Marconi condanna l'episodio sportivo-politico di domenica scorsa a Marzabotto.


Il Gruppo Consiliare “Sasso Marconi, la città che vogliamo” scrive:

Considerato il vergognoso comportamento messo in atto da un giocatore del “65 Futa” durante l’incontro sportivo tenutosi domenica 12 Novembre sul campo calcistico di Marzabotto, quando esibendo una maglietta con il simbolo della Repubblica Sociale Italiana e alzando il braccio teso, ha offeso nel profondo dei suoi valori la comunità di Marzabotto e le altre comunità dell’Appennino Emiliano che furono teatro delle stragi nazifasciste passate alla storia come eccidio di Monte Sole

Tenuto conto delle inconsistenti motivazioni fornite dagli ideatori di questi episodi, purtroppo non isolati nel panorama italiano di questi ultimi mesi

Considerata l’ondata di odio scaturita da questi e altri episodi e scatenata da gruppi organizzati con espliciti atteggiamenti apologeti del ventennio fascista e di istigazione all’odio razziale

Considerata la natura chiara e inequivocabile dei fatti sopra menzionati che, oltre ad offendere i valori dell’antifascismo, della pace e della democrazia costituiscono reato e sono perseguibili penalmente in base a due leggi dell’ordinamento italiano

Il Gruppo consiliare “Sasso Marconi, la città che vogliamo”:

  • condanna con fermezza questi episodi
  • esprime piena solidarietà alla comunità di Marzabotto, al suo Sindaco, alle altre comunità teatro delle stragi e alle associazioni dei Familiari delle vittime degli eccidi nazifascisti
  • avverte con profonda preoccupazione la presenza e la diffusione di orientamenti neofascisti portati avanti da gruppi organizzati, a volte ben conosciuti e visibili
  • afferma la necessità impellente di combattere tali fenomeni con lo strumento della memoria e della diffusione della cultura della pace, della tolleranza, della democrazia e della conoscenza dei valori fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione
  • auspica una efficace e pronta applicazione delle leggi previste nel nostro ordinamento per perseguire coloro che siano riconosciuti colpevoli dei reati di apologia di fascismo e istigazione all’odio razziale

Presentazione del libro 'LA BOTANICA NEL PIATTO'

 
Organizzata da Ermanno Pavesi, assessore alla cultura del comune di Monzuno, oggi, venerdì 17 novembre, alle 18, presso la Biblioteca Casa di Khaoula, a Bologna in  Via di Corticella 104, si terrà la presentazione del libro LA BOTANICA NEL PIATTO, edito dal Gruppo di Studi SavenaSettaSambro.


La partecipazione è libera.