sabato 22 luglio 2017

Allerta temperature estreme. Per 24 ore da mezzanotte tra sabato e domenica, poi attenuazione.

Da ANSA

Nuova allerta di protezione civile per temperature estreme in Emilia-Romagna, con un 'codice giallo', la ex fase di attenzione, attivato per 24 ore dalla mezzanotte tra sabato e domenica. L'allerta riguarda la pianura e la costa romagnole nelle province di Rimini, Ravenna e Forlì-Cesena, le basse colline e le pianure emiliane da Piacenza a Bologna, ma anche la pianura orientale della regione tra Ferrarese, Bolognese e Ravennate.
    Persistono condizioni di disagio bioclimatico sui capoluoghi delle province centro-orientali, più debole sulle aree di pianura. Nelle successive 48 ore, tendenza all'attenuazione.



Radiazioni e nucleare, un'indagine sulla percezione del rischio

On line il questionario a cui è possibile partecipare fino ad ottobre prossimo.


Sollecitato



Come percepiscono gli italiani e gli europei il rischio legato alle radiazioni e al nucleare? Per rispondere a questa domanda e, di conseguenza, per aumentare la consapevolezza e la conoscenza della popolazione non specialista su questo tema, è online un questionario, a cui è possibile partecipare fino ad ottobre prossimo. Obiettivo dell’indagine è anche, in ultima analisi, fornire indicazioni di metodo e contenuti alle road map delle attività e alle Call di ricerca in ambito UE.

Il sondaggio è parte integrante del programma europeo CONCERT per l'integrazione della ricerca sulla protezione dalle radiazioni (European Joint Program for the Integration of Radiation Protection Research), nell'ambito di Horizon 2020. Si tratta di una delle iniziative di ricerca congiunte proposte dalle piattaforme europee sulla protezione dalle radiazioni (MELODI (basse dosi di radiazioni); NERIS (emergenze radiologiche), EURADOS- dosimetria e EURAMED- radiazioni in campo medico). L’ISS, presente con i suoi ricercatori in molte di queste piattaforme, è, inoltre, tra le infrastrutture partner di CONCERT.

Fonte: Istituto Superiore di Sanità, comunicato del 17/07/2017

Fine settimana di festa a Gabbiano di Monzuno.

Tra i borghi antichi in festa, è di turno questo fine settimana Gabbiano di Monzuno.

Oggi sabato 22 luglio la festa si apre alle 16 con il torneo di 'burraco', cui segue, alle 20, la 'cena sotto le stelle'.
Domani, domenica, la mattinata è dedicata al solenne programma religioso con la Messa delle 9.30, presieduta da monsignor Vincenzo Zarri, vescovo emerito di Forlì-Bertinoro e accompagnata dalla corale Aurelio Marchi di Monzuno. A seguire, tradizionale rinfresco.
Nel pomeriggio, alle 16, apre lo stand gastronomico con crescentine, salumi, formaggi, buon vino e bibite. Sarà attivo un mercatino dell'usato e sarà allestita una mostra di acquerelli di Clelia Cassaniti.

Il ricavato della festa sarà devoluto a favore delle opere parrocchiali.

Nell'occasione sarà allestito uno stand per raccogliere adesione contro l'installazione di una pala eolica ( alta 65 metri) in località Pilastrino. 


 

Pietro Fortuzzi: " Cosa succede all'ex Lomas ? "

Sorprendente interrogazione del consigliere comunale Pietro Fortuzzi al sindaco di Sasso Marconi, Stefano Mazzetti, che fa presupporre un ulteriore arrivo di rifugiati a Sasso Marconi anche se il paese ha assolto ampiamente il 'suo obbligo' di ospitalità. Gli ospiti stranieri sono infatti attualmente circa 110 ( 90 a Villa Angeli e 20 a San Lorenzo), quando il numero dovrebbe essere un massimo di 45 ( 3 per ogni mille abitanti e Sasso Marconi ha poco meno di 15.000 residenti). “ Si sta provvedendo a Pontecchio Marconi a un recupero dei capannoni dell'ex Lomas veramente costoso,” spiega il consigliere . “Gli esperti parlano di un impegno di oltre 600.000 euro la cui finalità non è data a sapere. Voci insistenti parlano di un intervento finalizzato ad assolvere problemi creati dall'arrivo di nuovi migranti. Non sono contrario a dare ospitalità a chi fugge dalla guerra e dalla fame, però ci sono regole che vanno rispettate da tutti. In provincia di Bologna ci sono comuni con più abitanti di Sasso Marconi che non ospitano rifugiati. Sarà il caso che chi di dovere si faccia sentire, come fa Gentiloni con i paesi europei che non vogliono migranti. Mi preoccupa poi il fatto “ conclude Fortuzzi, “ che da oltre un mese ho chiesto un appuntamento al Prefetto di Bologna e non ho ancora avuto risposta”.

Ecco l'interrogazione scritta al Sindaco

Oggetto: Lomas

Gent.le Sindaco, come consigliere com.le del gruppo Misto di Sasso M.
  1. Chiedo chi sia il proprietario dell’ex-Lomas di Pontecchio M.
  2. Chiedo che tipo di lavori si stanno facendo all’interno dei capannoni Lomas
  3. Chiedo che utilizzo verrà fatto degli spazi ricavati all’interno dei capannoni
  4. Chiedo il progetto dei lavori, la relazione tecnica che l’accompagna, il mappale cartaceo da parte dell’uff. tecnico competente del comune
  5. Chiedo che stato d’uso ha il terreno davanti e dietro detti capannoni dell’ex Lomas, uso industriale? uso edificabile? Come lo classifica attualmente il piano regolatore comunale?
  6. Chiedo quale sia il costo iniziale ed il costo definitivo della ristrutturazione dei capannoni ex-lomas; chiedo da chi sia finanziato e quanti essi siano.
  7. Chiedo a lei se, a quel che si dice, la sua amministrazione sia anche interessata ad utilizzare parte di quei capannoni ristrutturati per ospitare eventualmente ulteriori migranti nel nostro comune con l’arrivo a suo carico dello S.P.R.A.R
  8. Chiedo se sono stati fatti o previsti scavi nell’area ex-Lomas, Se ci siano falde acquifere, pozzi, canali nella zona dei lavori. Chiedo se l’amianto asportato dai capannoni sia già stato sgomberato e smaltito oppure se, a contrario esso sia ancora nell’area.
    Il Consigliere Comunale Gruppo Misto
Sasso M. 21/7/17 Fortuzzi Pietro

Pastasciutta Antifascista al Borgo di Colle Ameno

Martedì 25 luglio 2017 è in programma la settima edizione della Pastasciutta Antifascista nel suggestivo Borgo di Colle Ameno di Pontecchio Marconi.

Organizzata da ANPI Sasso Marconi, in collaborazione con ANPI Marzabotto, ANPI Casalecchio di Reno e ANPI Monzuno; la Pastasciutta Antifascista è un evento che nasce presso il Museo Cervi in ricordo del gesto della famiglia Cervi la quale per festeggiare la caduta del fascismo avvenuta il 25 luglio 1943 offrì la pastasciutta a tutto il paese.
Oggi la rete delle pastasciutte conta circa cento iniziative in tutte Italia, tra cui Colle Ameno, una fra le prime ad aderire, ormai alla sua settima edizione. Lo fa in un luogo evocativo come il Borgo di Colle Ameno che nel ’44 fu utilizzato dai nazifascisti come campo di rastrellamento.


In vista dell’evento, presso il cinema all’aperto di Sasso Marconi sabato 22 luglio 2017 verrà proiettato il docu-film Portami Via (Italia, 2017) realizzato dalla giornalista Marta Santamato Cosentino.
Il documentario, promosso da Emergency, racconta il viaggio dal Libano all’Italia di una famiglia siriana in fuga dalla guerra. L’ingresso è a offerta libera.


Il 25 luglio 2017 la festa inizierà nel pomeriggio:
- alle 17.30, con un reading di poesia a cura dell’Associazione culturale Le Voci della Luna e l’apertura della mostra Comix4equality composta da tavole a fumetti realizzate da artisti migranti sul tema del razzismo.
- dalle 19.30 proseguirà poi con la distribuzione dei piatti di pasta gratuita, e l’apertura degli stand gastronomici,
- dalle 21.00 dibattito a tema "L’esodo e la cittadinanza". Interverranno: l’Onorevole Marilena Fabbri, membro della Commissione Affari Costituzionali della Camera e relatrice del disegno di legge sullo Ius culture;
il gruppo #Italianisenzacittadinanza, giovani nati e cresciuti in Italia che si impegnano per l’approvazione della legge sulla cittadinanza;
l’Onorevole Mario Marazziti, membro della Commissione Affari Sociali della Camera e membro della Comunità di Sant’Egidio;
Mohamed El Atrabi, funzionario degli edili FILLEA-CGIL per i diritti dei lavoratori migranti. Conduce Riccardo Tagliati, direttore di Radio Città del Capo.

 La serata proseguirà alle 22.00 con la musica Road to Jersey: un viaggio nella canzone d’autore americana con le musiche di Enrico Fava e Alberto Padovani. Infine balli popolari nel parco della Villa con il gruppo Biassanot.

 Per informazioni e aggiornamenti fare riferimento all'evento ufficiale su facebook.